APPELLATA LA SENTENZA DEL TAR SARDEGNA. VIADOTTO A TUTTI I COSTI: SOLO CATRAME E CEMENTO

Davvero non si comprende con quale coraggio, ma allo scadere del termine di 90 giorni previsto dal codice del processo amministrativo è stato notificato l’atto di appello con il quale l’Avvocatura dello Stato (che fin dal principio si è occupata della vicenda, trattandosi di atti del Commissario Straordinario delegato) chiede al Consiglio di Stato la riforma della sentenza del TAR Sardegna n. 185/2018, con la quale i Magistrati amministrativi sardi avevano annullato non solo il bando per la progettazione definitiva/esecutiva del viadotto, ma perfino l’Ordinanza di approvazione del progetto preliminare, ritenendo viziato il ben noto parere dell’ufficio regionale della Tutela del Paesaggio (scarica Nota n.23784 del Servizio tutela paesaggistica- Nuovo attraversamento lago Poggio dei Pini – Parere preliminare) attesa “la mancanza di una adeguata motivazione delle ragioni che consentirebbero di derogare al vincolo paesaggistico operante sull’area, emerge in maniera del tutto evidente dall’esame del parere dell’ufficio regionale per il paesaggio, atteso che si fa genericamente riferimento all’intervento proposto, senza tenere nel dovuto conto le dimensioni delle opere da realizzare (essendo palesemente insufficiente affermare che «gli interventi sono improntati [alle] buone pratiche della ingegneria naturalistica»), né viene in alcun modo affrontata ed esaminata la fondamentale questione (in cui si traduce il potere di valutazione tecnica riservato all’autorità che gestisce, o co-gestisce, il vincolo) di come inserire l’intervento nel contesto paesaggistico di riferimento. Alla luce del preminente valore costituzionale della tutela del paesaggio (art. 9 della Costituzione), ribadito costantemente dalla copiosa giurisprudenza della Corte Costituzionale e del Consiglio di Stato”.

La Regione Sardegna, completamente incurante della innumerevole serie di brutte figure inanelate in questi anni, persevera nel voler realizzare in coda al lago – ed in area sottoposta ad un duplice vincolo di tutela paesaggistica – un “trionfo” di cemento armato precompresso di “soli” 7 milioni di euro, coperto superficialmente dallo “splendido” catrame.

A giudizio dell’Avvocatura dello Stato – si legge incredibilmente nel ricorso – il parere favorevole all’intervento del Servizio Tutela del Paesaggio e Vigilanza per le province di Cagliari-Carbonia Iglesias non sarebbe inficiato da difetto di istruttoria e di motivazione, ma evidenzierebbe (sic!) in modo sintetico ma puntuale che “tutti gli interventi sono improntati secondo le buone pratiche della ingegneria naturalistica in armonia con il quadro paesaggistico di riferimento”.

Nel ricorso viene inoltre affermato che il rilievo – espressamente compiuto dal Servizio di Tutela del Paesaggio – per cui gli interventi sarebbero in armonia con il quadro paesaggistico implica (a giudizio dell’Avvocatura) che “le dimensioni delle opere e, più in generale, l’impatto con il paesaggio non sono stati obliterati, essendo stati piuttosto precipuamente considerati”: davvero “lunare”!

Preferiamo per il momento tralasciare qualunque commento, ma nel contempo siamo perfettamente consapevoli che non va sottovalutato nessun ricorso, che per sua natura ha comunque una alea, indipendentemente dal merito.

Nei prossimi giorni Cooperativa Poggio dei Pini, Comune di Capoterra e Comitato si incontreranno per definire la migliore strategia possibile in vista della ravvicinata udienza al Consiglio di Stato.

La nostra Comunità contrasterà con la consueta correttezza e serietà – ma con altrettanta fermezza – questo ennesimo tentativo di Pigliaru, di Balzarini e di Maninchedda di calare e di colare il cemento armato precompresso nella nostra vallata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...