I MANDANTI DEL RICORSO SONO PIGLIARU/BALZARINI (DUNQUE MANINCHEDDA) – LA REGIONE NEGA L’ACCESSO AGLI ATTI

L’Avvocatura dello Stato – contrariamente a quanto di norma avviene – esercita il patrocinio ex lege, senza necessità di acquisire la procura, contenente la firma originale in calce del soggetto che propone (o si difende) in un ricorso.

Per questo motivo, nel ricorso depositato al Consiglio di Stato per l’annullamento della sentenza del TAR Sardegna formalmente non compare il nome del soggetto che ha proposto di appellare la predetta sentenza. Viene infatti genericamente evidenziato che il ricorso viene proposto “per la presidenza del Consiglio dei Ministri (cod. fisc.:80188230587), in persona del Presidente p.t., nonché per il Ministero dei Beni e della Attività Culturali e del Turismo (cod. fisc.: 80188210589), in persona del Ministro pro tempore, (…..)”.

Sembrerebbe quasi che la Regione Sardegna, citata soltanto come parte appellata (e non come ricorrente), non sappia nulla del ricorso, forse perché “preoccupata” delle ripercussioni sull’opinione pubblica che certo, a pochi mesi dalle elezioni, non vedrebbe bene il perseverante tentativo di colare una inverosimile quantità di cemento armato precompresso in una splendida vallata, in coda ad un lago.

Posto che tutti immaginiamo che né il Presidente del Consiglio dei Ministri uscente Paolo Gentiloni, né tantomeno il suo successore Giuseppe Conte, ovvero i rispettivi Ministri dei Beni e delle Attività Culturali abbiano “a cuore” come Maninchedda ed i Suoi il cemento armato precompresso, chi può aver proposto alla Avvocatura dello Stato di appellare la sentenza del TAR Sardegna?

Et voilà’, svelato il mistero!

L’appello è stato richiesto dal Soggetto Attuatore (Balzarini, dunque Maninchedda), per conto del Commissario Straordinario delegato (Pigliaru).

Ciò è incredibilmente emerso a seguito dell’accesso agli atti del Comitato (scarica Accessoattiricorso2018_signed), e della conseguente risposta della Regione, che negando gli atti con motivazioni bislacche (scarica DiniegoRegioneProt. n.1237 del 29.06.2018) ha dovuto ammettere che la comunicazione è stata sottoscritta proprio dal Soggetto Attuatore, per conto del Commissario Straordinario Delegato!

La nota della Regione prosegue negando gli atti richiesti, sostenendo che la comunicazione “contiene elementi utili per la difesa ed è pertanto sottratta al diritto di accesso”.

Rassicuriamo la Regione che l’obiettivo del Comitato non era certo conoscere gli “elementi utili per la difesa” (le innumerevoli bugie e falsità sono a tutti ben note), ma semplicemente avere contezza di chi avesse proposto di appellare la sentenza.

L’obiettivo è stato pienamente raggiunto: tutti devono sapere che dietro “anonimi” atti della Avvocatura di Stato si celano Pigliaru e Balzarini, dunque Maninchedda, che ha soltanto “finto” e simulato di disinteressarsi del viadotto, ma in realtà le decisioni continuano ad essere prese dal Partito dei Sardi, che rispettivamente nell’ufficio di gabinetto dell’attuale Assessore possiede:

  • il “capo di gabinetto” dell’Assessorato Mario Uras, già segretario particolare dell’ex Assessore Maninchedda;
  • il “consulente” Francesco Sedda, attuale presidente del partito dei sardi, che insieme a Maninchedda ha fondato l’omonimo partito (recentemente con Maninchedda si sono “scambiati” i ruoli di segretario e di presidente);
  • il “segretario particolare” Tore Terzitta, ex Sindaco di Valledoria ed esponente del Partito dei Sardi.

Da ultimo non possiamo sottacere che anche l’attuale Assessore Edoardo Balzarini era l’ex direttore generale proprio dell’assessorato guidato da Maninchedda.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...