15 NOVEMBRE, UDIENZA AL CONSIGLIO DI STATO: NON CI RESTA CHE ASPETTARE…

Giovedì 15 novembre a Roma, presso il Consiglio di Stato, si è tenuta l’udienza sul ricorso proposto su istanza della Regione Sardegna avverso la sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna, che annullava gli atti di gara per la progettazione definitiva/esecutiva del viadotto “di rara bruttezza”.

Maninchedda e Pigliaru, tramite l’Avvocatura dello Stato, hanno insistito per la realizzazione della colata di cemento armato precompresso, sollecitando inoltre il Collegio a definire la causa con sollecitudine, stante l’avanzato stato procedimentale dell’affidamento progettuale e la “grave situazione meteorologica testimoniata dalla recenti alluvioni”.

Tali argomentazioni ed altri aspetti processuali e sostanziali hanno poi costituito oggetto delle discussioni dell’avv. Gianmarco Tavolacci, legale della Cooperativa Poggio dei Pini, dell’avv. Mauro Barberio (in rappresentanza del Comitato NOVIADOTTO) e – per il Comune di Capoterra – dell’avv. Antonio Avino Murgia.

Tutti noi siamo consapevoli che le ragioni di fatto e di diritto siano dalla nostra parte, e pertanto non ci resta che attendere con fiducia l’esito della sentenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...